• Äta sova döEat Sleep Die
    Gabriela Pichler
  • Äta sova döEat Sleep Die
    Gabriela Pichler
  • Äta sova döEat Sleep Die
    Gabriela Pichler
  • Äta sova döEat Sleep Die
    Gabriela Pichler
  • Äta sova döEat Sleep Die
    Gabriela Pichler
  • Äta sova döEat Sleep Die
    Gabriela Pichler
Äta sova dö1 Äta sova dö2 Äta sova dö3 Äta sova dö4 Äta sova dö5 Äta sova dö6
Slideshow With jQuery by WOWSlider.com v2.1.3

Films 2012

Äta sova dö

di Gabriela Pichler / Svezia 2012 / 103' / in concorso

Scheda del film

Titolo originale / Äta sova dö

Titolo inglese / Eat Sleep Die

Titolo italiano / Mangia dormi muori

Regia / Gabriela Pichler

Sceneggiatura / Gabriela Pichler

Fotografia / Johan Lundborg

Montaggio / Gabriela Picher, Johan Lundborg

Musica / Andreas Svensson, Jonas Isaksson

Montaggio del suono / Martin Hennel

Costumi / Sandra Woltersdorf

Interpreti / Nermina Lukač (Raša), Milan Dragišić (il padre), Jonathan Lampinen (Nicki), Peter Fält (Peter), Ružica Pichler (Rosi)

Produttore / China Åhlander

Produzione / Anagram

Coproduzione / Film I Skåne, Sveriges Television, Film I Väst

Distribuzione internazionale / The Yellow Affair

Formato / DCP, colore

Durata / 103 min.

Sinossi

Non è certo facile per un ragazza come Raša, svedese di origine balcanica e di religione musulmana, trovare un nuovo lavoro dopo essere stata licenziata dalla fabbrica in cui lavorava come operaia addetta al confezionamento di insalate in vaschette di plastica. Non ha un diploma di scuola superiore e deve mantenere suo padre, cui è molto affezionata. Partecipa a corsi di recupero e supporto psicologico per disoccupati e fa di tutto per reinserirsi nel mondo lavorativo. Ma deve anche rendersi conto all’improvviso, in questa difficile circostanza, di non godere sotto ogni punto di vista di pari opportunità nel paese in cui ha scelto di vivere.

Gabriela Pichler

Gabriela Pichler, di genitori bosniaci e austriaci emigrati in Svezia, nel 2008 si diploma all’università di Göteborg con il corto Skrapsär (Scratches), storia di teenagers che si avventurano in un’area industriale dismessa forse per viverci o forse solo per passare il tempo, con il quale ha vinto nel 2009 il Guldbaggen Award, e nel 2010 il Watch Audience Award all’Uppsala International Short Film Festival.