In concorso

Luna piena Full Moon

Regia di Isabella Torre
Italia 2020
Durata 15'

Un avvenimento improvviso e inspiegabile interrompe un’intervista che una troupe televisiva sta facendo a Lina, una famosa attrice cinematografica in una villa in Calabria. Risvegliatasi dopo un breve sonno durante una pausa, Lina scopre di essere rimasta sola. La troupe è scomparsa, l’acqua della piscina è ora coperta da uno strato di melma, come se contaminata. Il mondo sembra essersi svuotato. Rimane solo un piccolo gregge di capre che vaga per una spiaggia deserta sotto la luce della luna piena.

Regia
Isabella Torre

Sceneggiatura
Isabella Torre

Fotografia
Gemma Doll-Grossman

Montaggio
Melanie Akoka

Suono
Giuseppe Tripodi

Effetti speciali
Beast VFX

Interpreti
Isabella Torre, Lea Pedri Stocco, Paolo Carpignano, Jonas Carpignano, Tim Curtin, Agnese Draicchio, JD de Virgiilis, Marta Natoli, Nicola Oliva, Koudous Seihon, Giuseppe Tripodi, Lucia Vesco, Alessio Zaccuri

Produzione
Paolo Carpignano, Jonas Carpignano (Stayblack Productions), Lucia Vesco (Guai)

Stayblack Productions
stayblackprod@gmail.com

giovedì 02.09
09.00 Sala Perla
Press, Industry

venerdì 03.09
14.00 Sala Perla
Tutti gli accrediti

sabato 04.09
19.30 Sala Astra 1
Pubblico, Tutti gli accrediti
19.45 Sala Astra 2
Pubblico, Tutti gli accrediti

Isabella Torre

Isabella Torre (1994) è una filmmaker italiana. Ha frequentato la University of Fine Arts, dove si è diplomata in pittura e teatro. Da allora ha recitato in diverse serie televisive e film per il cinema. Tra il 2014 e il 2016 ha partecipato alla produzione dei film Mediterranea e A Ciambra. Nel 2018 Isabella ha scritto, girato e montato il suo primo cortometraggio da regista Ninfe, che ha avuto la sua prima mondiale al Festival Internazionale del cinema di Venezia. Attualmente sta lavorando allo sviluppo del lungometraggio sullo stesso tema, che avrà come titolo Basilea. Isabella è alunna del prestigioso Sundance Mediterranean Lab/ Faliro House dove nel 2018 ha sviluppato la sceneggiatura di Basilea. Nel 2019 ha girato il suo secondo lavoro, Vernice, uno short docu film sul tema della seconda generazione di immigrati in Italia, basato sulla storia di un rapper romano di nome Mojo.